GIOVEDì GNOCCA: Chiara Appendino

ll super ospite di GIOVEDì GNOCCA di questa settimana è Chiara Appendino.
Già ad un primo sguardo lo vedi che Chiara non è una donna qualsiasi. Il corpo umano è composto per il 90% di acqua, il tuo di ritenzione idrica, quello di Chiara è 40% massa magra e 60% gambe.
Ha rilasciato un’intervista sul suo ruolo non di sindaca di Torino ma di neomamma a Giovani Genitori, una di quelle riviste per famiglie smart che Mdm legge per darsi un tono. E qui parte il trip di #mammadimerda.
Chiara si candida al Comune al quinto mese di gravidanza grazie al supporto di tutta la Appendino family che riunitasi in seduta consiliare le notifica: “Ce la possiamo fare!”, già in pieno spirito da campagna elettorale. Ce la possiamo fare chi? Fare cosa?
La mente vola a quel periodo della gestazione in cui ci si addormentava con la testa sul tavolo del ristorante e pisciarsi addosso era all’ordine del giorno, le serate passavano tranquille piangendo sul divano davanti ad Ostetriche in sala parto e gli sbalzi ormonali così sotto controllo che anche fare la fila al supermercato poteva generare una crisi diplomatica tutte-le-nazioni-più-una. Ricordiamo la reazione di #nonnadimerda SOLO ALL’IDEA di un secondo nipote: “Tu muori”.
Comunque a casa Appendino il team work funziona e partono affermazioni forti:
“In futuro ci potremo dare il turno e sarò io a seguire la bambina”.
(Chiara, abbraccia il lato oscuro della Forza)
“La mattina esco presto e quando torno la sera purtroppo dorme già ”.
(Passa da noi, ché mia figlia ti aspetta)

– ATTENZIONE. EXPLICIT CONTENTS. –

“Per fortuna c’è la nostra meravigliosa tata”.
Mammadimerda valuta di farselo tatuare ma ha paura che sia un po’ forte come messaggio.
Momento irrinunciabile? “La colazione”.
La tentazione di staccare il computer dalla presa è tanta. Ti basta l’audio della mattina a casadimerda? C’è una bambina in salone che ha appena rovesciato il latte sul divano, urla come la Bertè che non vuole vestirsi, Pdm tentenna. Mammadimerda tenta un intervento sulla fascia proponendo la maglietta con l’unicorno, ma viene fischiata perché – ops! – è un pigiama. I Genitors sono in netto svantaggio, è un’impresa disperata. Ma il fantasista della squadra elude ogni metodo educativo e fa il passaggio decisivo: “Se ti vesti papà ti fa vedere un cartone”. Ed è goal! Giocano bene questi.
E tanti cari saluti a Maria Montessori, Rudolf Steiner e pure a Eduard Estivill già che ci siamo.
“Mammadimerda, momento irrinunciabile?” “Tra le 8,50 e le 9,10, quando sono usciti tutti e posso stare 20 minuti seduta al bagno a guardare su Facebook come invecchiano bene i miei ex e le loro nuove compagne senza figli. Vota MDM, per un’evacuazione senza limiti di tempo a porte aperte”.
Ma torniamo a Chiara. Arriva la domanda che tutte noi temiamo: che tipo di genitore sei? La risposta va oltre.
“Fortunata, perché mia figlia è bravissima. Va a nanna alle 21,30 e dorme tutta la notte da quando aveva 8-9 mesi”.
Mammadimerda sbava sul monitor, una lacrima le scorre sul viso. All’apice della fragilità, i nervi ormai tesi allo spasimo, il colpo di grazia:
“È stato facile con lei impostare una routine”.
BUIO.

chiara-appendino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...