Fronte liberazione bambole

Vogliamo parlare del profilo psicologico di chi progetta il packaging dei giocattoli?Bambole con la testa inchiodata alla scatola, crocifisse mani e piedi con fil di ferro, i capelli cuciti tra loro e al cartone retrostante, manca un bavaglio e una benda e il baby bondage è servito. Le opzioni sono due: o se non sono maniaci non li assumono, o sono rimasti talmente traumatizzati da toy story che temono che di notte i giocattoli possano rianimarsi e fuggire dagli scaffali dei negozi, creando un danno economico e d’immagine alle azienda per cui lavorano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...